// News

SRLS, TUTTO E IL CONTRARIO DI TUTTO

SRLS, TUTTO E IL CONTRARIO DI TUTTO

Post n.2 della rubrica: "L'amministratore nel pallone e i soci senza società"

 

Eccoci nel magico mondo dei soci e degli amministratori!

Bentornati al secondo appuntamento della nuovissima rubrica!

L'articolo di oggi è l'altra metà della mela del primo articolo di lunedì.

 

Abbiamo iniziato con un focus sulle SRL+S cioè una nuova declinazione delle SRL che gode di tutti i vantaggi della SRL , ma anche di specifici benefici solo a lei dedicati:

  • non si paga l'onorario del notaio in sede di costituzione, ma solo le spese vive;
  • il versamento del capitale sociale è molto ridotto (da 1 a 9.999).

Uno dei contro più evidenti è che trattandosi di una SRL + S cioè una SRL semplificata anche il suo atto è semplificato. Ossia è un atto ministeriale standard a cui non è possibile apportare variazioni e tanto meno è passibile di deroghe.

 

Bene in questo articolo mi dedicherò a confutare tutto quello spiegato la precedente volta.

Proprio perchè siamo in un paese di "quaquaraqua", tutto quello stabilito dalla normativa, tutte le innovazioni apportate decadono. Trovato l'escamotage l'SRL+S non è più quella formula conveniente e basica di cui abbiamo parlato sino ad ora.

 

ANDIAMO PER GRADI

 

Abbiamo detto che la prima cosa che differenzia una SRL da un SRL+S è l'atto di costituzione sia in termini di costo che di struttura.

 

COSTO

Di costo perchè la normativa stabilisce che l'onorario del notaio non sia dovuto, ma solo le spese vive.

Peccato che non esiste notaio che non chiede, a fronte di una costituzione di SRL+S, un compenso in nero che va dai 200 ai 500 euro ad atto.

So che starete tutti maledicendo i notai pensado che sono dei ladri.

Spezzo però una lancia a loro favore:

E' la costituzione stessa che dice che il lavoro deve essere sempre e comunque retribuito. E allora perchè la normativa con cui nasce la SRL+S prevede che i notai debbano  lavorare gratis?

Del resto la cifra che ho indicato prima non è una cifra esosa. Ed è anche una cifra nettamente inferiore rispetto all'onorario per una SRL.

Il vero problema qui è che sono obbligati a chidere ai clienti dei compensi in nero perchè la normativa sancisce che debbano essere gratis.

A mio personlissimo parere, sarebbe stato intelligente se la norma avesse sancito che la costituzione di SRL+S, prevedesse un onorario fisso del Notaio nella misura delle 250 / 300 euro cosi da regolare la posizione sia nei confronti dei notai che dei clienti.

Capisco anche che con tutti i dindini che incassano i notai, chiedere i soldi in nero non sia proprio elegante, e soprattutto spiazzi un pò il cliente che arriva istruito dal grande fratello Internet.

 

STRUTTURA

Non è vero che la struttura dell'atto sia inderogabile.

E' vero che si tratta di un atto ministeriale standard ma è anche vero che ogni notaio lo redige a piacimento,

Ce' chi inserisce l'indirizzo della sede legale, chi indica solo il Comune.

Chi fa durare l'esercizio di 13 mesi, chi sostiene sia impossibile.

Chi di due soci li rende entrambi rappresentanti legali, chi sostiene che non si possa fare.

 

Si: capisco siate un pò confusi.

Lo sono anche io ogni volta che un mio cliente apre una srls.

Ogni volta l'iter è diverso e c'è una problematica diversa :((

 

Ora Vi staretre chiedendo: QUINDI?????

 

Quindi Vi do delle regole base:

  1. se il notaio Vi chiede un compenso in nero la risposta è no altrimenti sono passibili di denuncia con relativo carico pendente.
  2. fate indicare Comune e Sede Legale.
  3. fate indicare un unico socio come rappresentante legale.
  4. fate indicare un unico amministratore.
  5. in caso di più amministratori, fate un consiglio di amministrazione con un presidente.
  6. se aprite la società nel mese di dicembre o novembre potete richiedere che l'esercizio si chiuda al 31 12 dell'anno dopo. Questo significa che per il primo anno il Vs esercizio fiscale sarà di 13 o 14 mesi e non di 12. Questo concetto è un po' particolare quindi verrà approfondito nel prossimo articolo.

 

Là fuori è un mondo difficile..

 

 

 

04/02/2016 •  di Carolina Casolo  •    Tags:        

Top