// News

ANCHE TU NON SAPEVI CHE.. OBBLIGATORIETA' DEL MOD.730 O MOD. UNICO PER LAVORATORI DIPENDENTI CON PIU' DI 1 CUD

ANCHE TU NON SAPEVI CHE.. OBBLIGATORIETA' DEL MOD.730 O MOD. UNICO PER LAVORATORI DIPENDENTI CON PIU' DI 1 CUD

Post n.1 della rubrica “Anche tu non sapevi che..."

 

Tornata dalle vacanze non ho fatto altro che pensare a come scrivere questo post.

Da una parte penso che essendo il primo post del blog sarebbe, forse, opportuno fare una buona impressione. Mostrare perlomeno che essere falliti due volte non va di pari passo con l’essere sgrammaticata. Si lo so: magra considerazione.

In realtà lo scrivo per aiutare tutte le Sarka di questo pianeta.

Ok: vi siete già persi.

Ok: ripartiamo con ordine.

In vacanza ho conosciuto moltissimi ragazzi italiani e stranieri che lavorano stagionalmente.

Ragazzi che per lo più lavorano d’estate al mare e di inverno in montagna. Ragazzi che lavorano svernando alle Canarie.

Ragazzi che alla fine dell’anno si ritrovano con due C.U. e con qualche soldino in tasca.

Per C.U. intendo le nuove certificazioni uniche in vigore dal 2015 e che sostituiscono il vecchio caro Cud (qui trovate la normativa a riguardo)

Che si chiami C.U. o Cud sempre trattasi di un documento che attesta gli importi incassati dal dipendente per ogni singolo rapporto di lavoro nel corso di un anno solare.

(ES. se un dipendente ha più rapporti lavorativi, ad esempio 2, a fine anno riceverà due C.U. - una per ciascun rapporto -).

Questi ragazzi – come tutti gli altri contribuenti - con due o più C.U. sono tenuti obbligatoriamente a presentare la dichiarazione dei redditi.

La mancata presentazione di tale dichiarazione è considerata dall’Agenzia delle Entrate (ADE) come un’omissione e pertanto è applicata una sanzione penale a carico del contribuente. La stessa si converte successivamente in sanzione pecuniaria.

Tra tutti i ragazzi che ho conosciuto:

- quasi il 70% non era a conoscenza di dover presentare la dichiarazione dei redditi;

- il 100% non era nemmeno a conoscenza che è opportuno comunicare al nuovo datore di lavoro se nel corso dell’anno ci sono stati altri rapporti lavorativi, cosi che in busta paga si applichi un’aliquota maggiore di trattenuta per evitare un conguaglio a debito molto alto in sede di dichiarazione.

Tradotto in semplici parole:

è importante comunicare sempre al nuovo datore di lavoro se nel corso dell’anno solare ci siano stati altri rapporti di lavoro. In questo modo il consulente del lavoro del nuovo datore di lavoro applicherà una trattenuta più alta in busta paga evitando cosi di dover pagare in unica soluzione l’eventuale debito in sede di dichirazione.

Di seguito potete scaricare la documentazione relativa a C.U. 2015

Provvedimento-CU-2015.pdf

CU-2015-modello.pdf 

CU-2015-istruzioni-compilazione.pdf

CU-2015-specifiche-tecniche-tramissione-telematica.pdf

Guida-sanzioni-tributarie-e-penali.pdf

IL CASO SARKA

sarka obbligo mod.730

Un esempio lampante della disinformazione in materia fiscale è la storia di Sarka.

Biondissima ragazza ucraina con un sorriso dolcissimo, mi chiede di poterle fare una consulenza relativamente una cartella di Equitalia.

Analizzo la cartella e risulta chiaro che il ruolo di Equitalia è solo quello di agente riscossore.

Il reale creditore è l’ Agenzia delle Entrate. L’Agenzia lamenta una sanzione pecuniaria per omessa presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno 2007 e un mancato versamento delle imposte derivanti dal ricalcolo dei redditi di Sarka. A queste cifre si sommano gli interessi per tardivo pagamento.

Il totale della cartella ammonta a quasi 3.000, 00 euro.

Poniamo che mediamente la stagione di un ragazzo duri 3 mesi: da metà giugno a metà settembre con una retribuzione netta mensile che si attesta su una media di 1.300, 00.

Quindi il reddito netto di tre mesi di lavoro è di circa 3.900, 00 euro. La cartella di 3.000, 00.

La differenza è di soli 900 euro. Significa che la stagione estiva, a causa della disinformazione, ha fruttato solo 900, 00 euro: una media di circa 10 euro al giorno…

Quindi per non rischiare di vedere andare in fumo un' intera stagione di lavoro segui il mio blog per rimanere aggiornato sui temi più spinosi che riguardano fiscalità, consulenza del lavoro e tanto altro.

E ricorda, non esitare a contattarmi se il magico mondo della fiscalità ti risulta un pochino ostile!

 

 

 

 

 

08/09/2015 •  di Carolina  •    Tags:                      

Top